Tempo di colazione

Prima di leggere questo articolo consiglio di leggere la puntate precedenti di questo mini  racconto. Se le  avete lette , vi ringrazio .

1 , 2, 3, 4,5,  6 .

_MG_4217

Sentimmo  la campanella di casa a suonare . Luna ordinò al Robot di presentarsi davanti alla porta . In cucina avevano un schermo che proiettava sulla parete  tutte le stanze dalla casa e anche all’esterno . Ho guardato lo schermo e sono rimasta allibita . Praticamente le mie sigarette erano state consegnate da un Robot della farmacia .Ogni casa , edificio e strada del paese di Happy Land era sorvegliato in continuazione da questi impianti ed era obbligatorio la loro presenza in tutte le case e in tutti luoghi sia  pubblici che privati . In caso di furti o omicidi i proprietari di casa dovevano  fornire l’accesso della sorveglianza dell’abitazione alle forze di sicurezza nazionale .Nel vecchio mondo una cosa cosi era impensabile , perché violava la privacy . Invece Luna mi disse che in questo modo grazie a questa sorveglianza continua negli ospedali , scuole , aziende , concerti , cinema , eccetera se qualcuno violava la leggi di Happy Land non la faceva franca perché c’erano le prove . Così mi resi conto che la mia vita futura sarebbe stata tutta una registrazione continua come in quei programmi televisivi del vecchio mondo tipo il Grande Fratello o l’isola dei famosi .A differenza loro , qui la gente non recitava . Il Robot mi consegnò le sigarette e lo ringraziai . Mi sono seduta su una sedia che era nel giardino e cominciava  a diventare buio . Era la mia prima notte a Happy Land . Accesi la sigaretta con l’accendino che mi avevano regalato in omaggio come nuova cliente e feci il primo tiro . Avevano un sapore piacevole . Luna e David nel frattempo mi dissero a distanza che potevo dormire nella stanza del loro figlio quando avevo voglia . Come tutte le persone che non fumano mi aspettavo da parte loro che mi consigliassero di smettere , invece non lo fecero . Per me questa cosa era il massimo rispetto che avevano avuto nei miei confronti . Nel vecchio mondo avevo dovuto fare i conti con  l’intolleranza che avevano i non fumatori nei miei confronti . Ad un colloqui di lavoro quando avevo detto che fumavo , il signore di fronte a me mi aveva guardata come fossi un mostro . La sua faccia di punto in bianco mi osservava con disprezzo e il colloquio era terminato nel peggiore dei modi . Addirittura nel vecchio mondo se facevi la polizza vita i fumatori erano penalizzati , erano di serie B rispetto ai non fumatori . Se avessi fumato dentro casa avrebbe suonato all’istante allarme antifumo che proteggeva la casa da eventuali incendi . Dopo aver finito la sigaretta sono entrata in bagno per farmi una doccia . Anche qui ho scoperto cose nuove .Il telefono della doccia fecce uscire dell’acqua quando lo presi in mano  in modo automatico e poi si fermò . La mia intuizione mi fece capire che potevo usare lo shampoo per i capelli bagnati . Ero tutta coperta di schiuma e l’acqua non scendeva . Per un attimo mi veniva da ridere e piangere allo stesso tempo . Avrei dovuto disturbare i padroni di casa per risolvere questo enigma . Invece quando ho avvicinato la mia mano dal punto dove scorreva l’acqua fece partire di nuovo gli schizzi d’acqua , questo modo di fare la doccia pensai che tutti gli abitanti di Happy Land non sprecavano l’acqua . Ho preso un asciugamano per asciugare un po’ i capelli e coperta sono andata in camera . Ero stanchissima .  Mi sono infilata sotto le lenzuola e mi sono addormentata  con i capelli ancora bagnati. Avrò dormito per ben 9 ore . Per me erano anni che non dormivo così a lungo . Di solito soffrivo  d’insonnia e dormivo appena quattro o cinque ore al massimo . Ho aperto gli occhi , la luce  dell’esterno apriva in modo automatico le persiane delle finestre . Avrei dovuto affrontare il mio secondo giorno in questo nuovo mondo . Ai piedi del letto c’era Fox che con le sue zampe mi invitava a scendere . Mi sono alzata che  ero tutta nuda . Luna come una vera madre aveva appoggiato in una poltrona un cambio di vestiti per me . C’era uno slip , reggiseno e un abito blu con i fiori bianchi . L’intimo era nuovo , invece l’abito dopo averlo osservato si capiva che aveva subito dei lavaggi , pensai che era stato di Luna quando era giovane . Lei non lo usava più perché non ci entrava . Luna non era grassa , aveva un fisico più robusto del mio , lì per lì pensai questo . Lavorava come pasticciera e non era grassa . Se io facessi lo stesso lavoro suo ingrasserei solo per i profumi e la voglia di assaggiare tutti i dolci . Ho apprezzato molto  la sua gentilezza .L’abito sembrava cucito su misura per me . Il tessuto era di cotone sottile , sembrava come toccare la seta .Negli ultimi tempi ero dimagrita . Non é che ero diventata anoressica . Sono sempre stata una buona forchetta . Forse era dovuto al mio malessere generale , avevo poco appetito , poca voglia di uscire di casa . Il mio posto preferito era diventato il mio letto . Dopo essermi vestita sono andata in cucina . Luna e David mi aspettavano per fare colazione tutti  insieme. La sera prima per via della stanchezza non mi ero pettinata . Così dopo averli salutati dissi che mi assentavo per pochissimi minuti per mettere in ordine i miei capelli . Luna mi disse che gli elastici e mollette per capelli erano nel  primo cassetto a destra del mobile che c’era in bagno . Dopo avermi detto questo ho capito che forse era il caso di legarli . Veloce come un missile , mi sono pettinata . Ho raccolto tutti i miei capelli e mi sono fatta una treccia che appoggiava  nella parte sinistra del mio petto . Anche a colazione era il Robot che serviva . Ringraziai Luna per avermi procurata i vestiti puliti . Lei con un tono di voce coperto con un po’ di stupore , mi disse che la taglia del  vestito che avevo su non le andava più bene e lo conservava da tanti anni perché era stato realizzato dalla sua nonna paterna che era stata una sarta . David con un tono scherzoso disse che noi donne siamo un po’ complicate con i vestiti rispetto agli uomini . Ho bevuto del tè accompagnato con biscotti al burro . Luna mi disse che i biscotti le aveva preparati lei, si scioglievano in bocca talmente erano buoni . Ne avrò mangiato circa sei . Luna e David mi dissero  che  erano di riposo dal lavoro . Avevano programmato un picnic  al mare e se avevo voglia potevo andare  insieme a loro .Le dissi di sì , del resto cosa avrei fatto a casa loro da sola . Però mentre fumavo la mia sigaretta del dopo colazione pensai che dovevo cercarmi o inventare un lavoro a Happy Land . Ero un ospite e l’ospite dopo un po’ se ne deve andare a casa sua . Ma qui non avevo niente , nemmeno una casa . Avevo la mia carta d’identità digitale e un prestito concesso dalla stato che a distanza di due anni avrei dovuto cominciare a  restituirlo in piccole rate . Non avevo chiesto prestito ai padroni di casa , loro avevano già fatto tanto per me . Con i soldi che avevo nel mio conto se questa convivenza diventava noiosa potevo prendere in affitto una stanza in albergo . Ero confusa , impaurita , agitata . Nel vecchio mondo ero stata una fallita totale . Qui volevo rovesciare la mia umile esistenza . Volevo realizzare il mio sogno di fare l’architetto . Sul tavolo ho trovato un bigliettino dove c’era scritto :

 

Come le acque di tutti i  fiumi

trovano sempre la strada per abbracciare il mare ,

cosi i tuoi pensieri ti offrono la forza per trovare la tua strada ,

perché nulla é impossibile , se non la natura stessa .

Sei fatta dalle tue parole e non dalle tue azioni .

L’amore quando nasce  ha tante parole da dire e pochi  azioni da dimostrare.

Se l’amore  avesse solo la forza che esce  dalle parole ,

tu non saresti esistita  .

Invece col tempo ogni giorno ,

l’amore si nutre in due

con azioni piacevoli e le parole diventano più rare ma non inutili .

Il grido degli uccelli per te ora é canto .

Quando sei in volo non cantare , ma unisciti al  vento .

Quando sei stanco fermati per ascoltare il tuo cuore .

Fai diventare la tue parole un canto  quando fai compagnia a te stesso .

Hai visto i più bei fiori nascere nei boschi distrutti .

Il vento ti trascinerà  ai bordi del mare ,

perché é il sentire che porta nuovi frutti .

Luna mi disse che questa poesia era stata scritta da suo figlio .

 

Testo e fotografie di © Violeta Dyli  

_MG_4219

 

Annunci

26 comments

  1. mairitombako · maggio 2, 2016


    BACIONE X TE

    Liked by 1 persona

  2. La revue de Claire · maggio 2, 2016

    Bello post

    Liked by 1 persona

  3. Silvia · maggio 2, 2016

    Bellissima la poesia, buon inizio settimana 🙂

    Liked by 1 persona

  4. Cose da V · maggio 2, 2016

    Sempre più curiosa di veder che succederà 😉

    Liked by 1 persona

  5. Georges 2679 · maggio 2, 2016

    jolie ta poésie et belle photo, j’adore les fraises….Bonne soirée…Bisous

    Liked by 1 persona

  6. bukurie · maggio 2, 2016

    Nella generosità e nell’aiuto degli altri sii come un fiume.
Nella compassione e nella grazia sii come il sole.
Nel nascondere le mancanze altrui sii come la notte.
Nell’ira e nella furia sii come la morte.
Nella modestia e nell’umiltà sii come la terra.
Nella tolleranza sii come il mare.
Esisti come sei oppure sii come appari.
    (Jalâl âl-Dîn Rûmî)

    Fidati del tuo cuore se il mare prende fuoco (e vivi per amore anche se le stelle camminano all’indietro).
    (Edward Estlin Cummings)

    Fonte :https://dinoamenduni.com

    Mi piace

  7. vikibaum · maggio 3, 2016

    continua in bello la storia…splendide le foto…

    Liked by 1 persona

  8. newwhitebear · maggio 3, 2016

    le immagini arrivano da Happy Land?
    Mi sembra che il racconto abbia perso mordente. Poche azioni e molte descrizioni.
    Aspettando il prossimo, un caro saluto

    Liked by 1 persona

  9. Laura · maggio 3, 2016

    Bellissima la storia, brava Viola, ❤

    Liked by 1 persona

  10. delegointe · maggio 3, 2016

    Io non ho ancora avuto tempo di leggerli avevo iniziato solo il primo. Sono stato poco al pc e adesso sono impegnato anche con il nuovo blog, ma li leggerò te lo prometto.

    Liked by 1 persona

    • bukurie · maggio 4, 2016

      Buongiorno Francesco , ho visto il nuovo blog e ci sto pensando se unirmi a voi . Un sorriso 😊

      Mi piace

  11. Pingback: #TAG INTERVISTA – I discorsi dell'ascensore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...